The climate crisis is our priority
Discover our
projects to address it

Discover our projects

Un portfolio pensato appositamente per ridurre le emissioni in modo trasparente e d'impatto per l'ambiente, le comunità e gli SDGs.

Compensando sosterrai l’intero portfolio di progetti selezionati da Risearth.
Vuoi sostenere un progetto in particolare? Contattaci!

Betulia
idroelettrico

La centrale idroelettrica genera 23.000 MWh di energia elettrica all'anno e porta l'elettricità a circa 5.000 famiglie nella regione settentrionale dell'Honduras.
honduras

Pratiche di cucina
domestica

Il progetto ha raggiunto 200.000 persone fino ad oggi sostituendo 40.000 fuochi da cucina tradizionali con altrettanti forni e riducendo l'inquinamento domestico
MALAWI

Acqua pulita
e sicura

Il progetto ha distribuito oltre 300.000 filtri per depurare l'acqua e renderla potabile, raggiungendo 2 milioni di persone nelle aree rurali della Cambogia
CAMBOGIA

Idroelettrico in aree
remote

Gli impianti idroelettrici Huóshuĭ portano energia più di mezzo milioni di famiglie in un'area remota della Cina che non era raggiunta dalla rete energetica
Cina

Riforestazione
in Uganda

ll progetto TIST Uganda cura un’area di 1.568 ha e unisce 1.563 piccole fattorie nella riforestazione di una delle aree più colpite dalla deforestazione.
Uganda

Conservazione
Amazzonia

Una collezione di progetti per la prevenzione della foresta pluviale Amazzonica e la lotta alla deforestazione illegale in Brasile e Peru.
Amazzonia

Betulia idroelettrico

La centrale genera energia per circa 5.000 famiglie nella regione settentrionale dell'Honduras. L'obiettivo secondario è la riforestazione con 11.000 piante.
honduras

Pratiche cucina domestica

Il progetto ha raggiunto 200.000 persone fino ad oggi sostituendo 40.000 fuochi da cucina tradizionali con altrettanti forni e riducendo l'inquinamento domestico
MALAWI

Acqua pulita e sicura

Il progetto ha distribuito oltre 300.000 filtri per depurare l'acqua e renderla potabile, raggiungendo 2 milioni di persone nelle aree rurali della Cambogia
CAMBOGIA

Energia in aree remote

Gli impianti idroelettrici Huóshuĭ portano energia a più di mezzo milioni di famiglie in un'area remota della Cina che non era raggiunta dalla rete energetica
Cina

Riforestazione in Uganda

Il progetto TIST Uganda cura un’area di 1.568 ha e unisce 1.563 piccole fattorie nella riforestazione di una delle aree colpite più duramente colpite dalla deforestazione.
Uganda

Conservazione Amazzonia

Questa è una collezione di progetti che hanno come obiettivo la prevenzione della foresta tropicale Amazzonica e di lotta alla deforestazione illegale in Brasile e Peru.
Amazzonia

C'è tanto lavoro da fare per fermare la crisi climatica

Per poter bloccare il riscaldamento globale a +1,5° C di risalita delle temperature, la soglia critica individuata dalla comunità scientifica, bisogna fare ancora molta strada… 

crisi climatica
0 ppm
Valore preindustriale della CO2 in atmosfera
0 ppm
Valore attuale della CO2 in atmosfera

La media dell’impronta di carbonio annuale degli Italiani

0

Tonnellate di CO2 equivalente

La media al 2030 se vogliamo limitare la risalita delle temperature a 1,5° C

0

Tonnellate di CO2 equivalente

Trasparenza alla base

La trasparenza è per noi un aspetto fondamentale della compensazione perciò entro 48 ore dalla compensazione riceverai un certificato con un codice ID univoco per ogni credito (tonnellata di CO2e). Potrai usare questi codici per tracciare i crediti da noi acquistati e poi cancellati. In questo modo sarai certo che non sia avvenuto alcun doppio conteggio o altro illecito. 

Criteri di selezione

I progetti all’interno del portfolio sono certificati da svariate organizzazioni le quali ne misurano e monitorano i benefici in modo da poter mettere sul mercato esattamente la giusta quantità di crediti. I progetti vengono monitorati durante la loro esecuzione per valutare parametri fondamentali quali addizionalità, verificabilità, tracciabilità, permanenza, contributo agli SDG e impatto per le comunità locali.

Risearth seleziona solo i progetti registrati dalle organizzazioni più accreditate: UNFCCC, GoldStandard, Verra e SouthPole. L’UNFCCC è, ad esempio, la conferenza quadro sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite mentre GoldStandard è un’organizzazione fondata da varie realtà, tra le quali spicca WWF.

A partire da questi progetti, Risearth ha sviluppato un insieme di criteri per selezionare solo i progetti col maggior impatto positivo in circolazione.

1° Criterio: Devono ridurre le tonnellate che dichiarano

Per essere approvato ogni progetto deve dimostrare la sua integrità climatica e il monitoraggio dei crediti sviluppati. Segnali fondamentali sono la presenza di documentazione che verifichi la veridicità e tracciabilità del progetto. Un altro importante segnale in questo caso viene dal prezzo per tonnellata di CO2e. Un costo troppo basso del carbonio potrebbe determinare la non-addizionalità del progetto stesso e cioè che il progetto non necessita della vendita dei crediti per sussistere o come viene spesso definito, è un progetto che si “paga da solo”, così i soldi vanno  semplicemente nelle mani degli investitori.

2° Criterio: Devono essere attuali

Il secondo criterio riguarda principalmente l’età dei crediti. Molti progetti sono infatti entrati in funzione con il Protocollo di Kyoto e l’Emendamento di Doha. Ciò significa che si potrebbe “incappare” nell’acquisto di crediti a buon mercato poiché anteriori al 2012. Acquistare crediti troppo “vecchi” riduce enormemente l’impatto climatico dei progetti stessi poiché in ottica di decarbonizzazione al 2050, l’acquisto di crediti vecchi comporta un ritardo nel processo di riduzione delle emissioni.

3° Criterio: Non devono fare altri tipi di danno mentre evitano emissioni di CO2

Per completare la valutazione del progetto, Risearth valuta l’impatto ambientale e sociale del progetto. Questo poiché anche i migliori progetti possono impattare negativamente il benessere delle comunità locali o ridurre la biodiversità locale.

Per queste ragioni i progetti devono rispettare la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e non essere coinvolti direttamente o indirettamente in eventi di violenza. Tali progetti devono, al contrario, aumentare il benessere delle comunità locali, sviluppare processi socio-economici positivi, ingaggiare e coinvolgere le comunità nelle diverse fasi del progetto, migliorare la vivibilità dell’area, migliorare le opportunità di studio e lavoro.  

Inoltre i progetti non devono danneggiare l’ambiente, causare direttamente o indirettamente instabilità idrica, perdita o erosione del suolo o introducendo specie invasive. Tali progetti devono, al contrario, tutelare la biodiversità, avere impatto positivo sugli habitat naturali dove vivono specie autoctone o a rischio di estinzione.

Dove sono localizzati i progetti che abbiamo supportato

Progetto idroelettrico in Honduras

La mancanza di accesso all’energia elettrica è un grave problema nella regione settentrionale della Repubblica dell’Honduras. Questa piccola centrale idroelettrica ad acqua fluente fornisce energia rinnovabile alla rete nazionale (sostituendo le tradizionali centrali elettriche a combustibili fossili), migliorando la qualità dell’elettricità per le comunità locali nel dipartimento di Colon. Un migliore accesso all’elettricità riduce anche la dipendenza dalla legna da ardere, contribuendo ad alleviare le pressioni della deforestazione nell’ambiente locale.

La centrale ha una capacità installata totale di 6,8 MW e genera fino a 23.000 MWh di energia verde all’anno, l’equivalente dell’energia consumata da 5000 famiglie di stile occidentale.

Capacità della turbina di 6,8 MW in funzione da ottobre 2015

Fino a 23.000 MWh di energia pulita forniti ogni anno alla rete elettrica locale

Monitoraggio annuale e tutela dell’ambiente locale (Flora e Fauna)

Sono stati creati 12 posti di lavoro di cui 8 dipendenti sono stati assunti localmente dalla regione per gestire e mantenere l’impianto

La comunità ha assistito alla riforestazione della superficie terrestre con 6.000 piante di mogano e altre 5.000 piante sono nel processo di sviluppo del vivaio 25.568 tCO2e riduzioni delle emissioni ottenute

Il progetto crea opportunità di occupazione rurale nella produzione e distribuzione di filtri. Le donne costituiscono il 47% del personale, incluso il 60% dei dirigenti di alto livello e il 60% della forza vendita rurale.

La vendita di crediti di carbonio consente di continuare a ricercare e sviluppare la tecnologia dei depuratori e di formare produttori e distributori locali, aumentando così il suo impatto positivo.

Tipo di crediti:
Riduzione Emissioni Verificata (VER) 

Sviluppatore di progetto:
Renewable Energy Developers S.A. (Global Climate Partnership Netherlands)

Miglioramento delle pratiche di cottura domestica in Malawi

Di questo progetto hanno beneficiato circa 200.000 persone in Malawi. Il progetto ha finora sostituito circa 40.000 tradizionali fuochi da cucina a tre pietre con fornelli a basso consumo di carburante. Questo progetto sta riducendo le emissioni di gas serra e prevenendo la deforestazione e la diffusione di malattie respiratorie nella popolazione.

Il progetto ha molti vantaggi perché i tradizionali fuochi a tre pietre:

– Consumano un’enorme quantità di legno con conseguente grande deforestazione. Ci vuole anche molto tempo per raccogliere tutto questo legno. Questo tempo può essere speso per l’istruzione e altre attività.

– Produce molto fumo e quindi causa problemi di salute come cancro ai polmoni e polmonite infantile. Ciò colpisce principalmente donne e bambini.

– Non sono sicuri per i bambini.

Il progetto utilizzerà i fondi della vendita dei crediti per espandere il progetto in modo che 500.000 persone possano beneficiare di questo fornello a basso consumo di carburante e supportare altre attività come la conservazione dei pesci, la piantumazione di alberi, la conservazione delle foreste, l’istruzione e i servizi sanitari.

Tipo di crediti:
Riduzione Emissioni Certificata (CER) 

Sviluppatore di progetto:
RIPPLE Africa

Acqua più pulita e sicura in Cambogia grazie a filtri di depurazione in ceramica

In Cambogia, l’acqua non trattata e le scarse condizioni igienico-sanitarie causano circa 10 milioni di casi di diarrea e 10.000 decessi ogni anno, soprattutto nei bambini che vivono nelle aree rurali. Ad oggi, il progetto ha raggiunto quasi due milioni di cambogiani con i suoi depuratori d’acqua in ceramica. Con un filtro nelle loro case, le famiglie possono bere in sicurezza. Non avendo più bisogno di far bollire l’acqua, si riduce l’inquinamento dell’aria interna dovuto alla combustione del legno, si abbattono i costi del combustibile domestico, si risparmia tempo per donne e bambini e le foreste vulnerabili della Cambogia sono protette.

Il progetto crea opportunità di occupazione rurale nella produzione e distribuzione di filtri. Le donne costituiscono il 47% del personale, incluso il 60% dei dirigenti di alto livello e il 60% della forza vendita rurale.

La vendita di crediti di carbonio consente di continuare a ricercare e sviluppare la tecnologia dei depuratori e di formare produttori e distributori locali, aumentando così il suo impatto positivo.

Tipo di crediti:
Riduzione Emissioni Verificata (VER) 

Sviluppatore di progetto:
Hydrologic Social Enterprise Company Ltd

Energia idroelettrica in Huóshuĭ

I potenti fiumi delle aree montuose della Cina possono essere sfruttati per generare elettricità per le sue comunità remote e la regione più ampia. Il progetto sta incanalando la vitale finanza di carbonio nello sviluppo di infrastrutture per l’energia rinnovabile nelle regioni rurali e sottoservite, in un momento in cui gran parte della crescente domanda energetica della Cina viene soddisfatta con centrali elettriche a combustibili fossili.

Huóshuĭ Small Hydropower è costituito da 95 piccoli impianti idroelettrici, che insieme forniscono energia rinnovabile sufficiente per alimentare oltre mezzo milione di case cinesi medie ogni anno. la sua sicurezza energetica è vantaggiosa sia per le nuove industrie locali sia per le famiglie che sono sempre più in grado di passare dalle stufe a legna a quelle elettriche, migliorando la loro vita quotidiana. Il progetto offre opportunità di occupazione locale nella costruzione e gestione di centrali elettriche, contribuendo ad alleviare la povertà regionale e finanziando iniziative sociali in collaborazione con le organizzazioni locali. Ciò include fondi per i soccorsi in caso di calamità e programmi educativi, come quelli volti a migliorare la vita dei bambini i cui genitori sono emigrati nelle città per lavoro.

Tipo di crediti:
Unità di Carbonio Verificata (VCU) 

Sviluppatore di progetto:
Huóshuĭ Grouped Small Hydropower

Afforestamento in Uganda

Il progetto TIST Uganda è un progetto di riforestazione che abbraccia gran parte del sud-ovest dell’Uganda.

Il progetto lavora con piccoli gruppi agricoli per rimboschire e piantare alberi in un paesaggio fortemente deforestato. Il progetto stesso consiste in 1.563 piccoli appezzamenti agricoli di 291 gruppi di agricoltori con 1662 membri individuali. L’Uganda è uno dei paesi più fortemente deforestati al mondo, con uno studio del 2008 che prevede che entro il 2050 potrebbe non rimanere più alcuna foresta. Il progetto TIST è un’eccezione ecologica a questo.

Questo progetto sembra aver avuto un impatto significativo su innumerevoli comunità ugandesi. Il numero di persone impiegate dal progetto non è direttamente quantificato, ma è certamente nell’ordine delle migliaia (se non delle decine di migliaia).

Tipo di crediti:
Standard di Carbonio Verificati (VCS) 

Sviluppatore di progetto:
Clean Air Action Corp.

Lotta alla deforestazione in Amazzonia

Jari Pará è un progetto che evita la deforestazione e preserva una foresta vergine amazzonica di 50.480 ettari.

Il progetto, che mira a promuovere la conservazione delle foreste e ridurre le potenziali emissioni di gas serra (GHG), sottolinea anche l’importanza dello sviluppo economico locale. Nel corso dei 30 anni di vita del progetto, si prevede di sequestrare quasi 15 milioni di tonnellate di emissioni di carbonio. Per prevenire la deforestazione illegale, il progetto ha promesso un’ampia sorveglianza e monitoraggio.

Il progetto fornisce l’habitat ad almeno 2070 specie di animali (di cui 133 in via di estinzione) e ad almeno 340 specie di piante (di cui 54 in via di estinzione). Data la posizione del progetto, forma un importante corridoio ecologico con le unità di conservazione circostanti. Jari Pará fornisce anche benefici diretti alle centinaia di famiglie rurali il cui sostentamento dipende dalla foresta. Il progetto gestisce un programma di assistenza tecnica e di estensione rurale per educare le parti interessate locali sulle pratiche agricole sostenibili. Inoltre, Jari Pará utilizza le entrate derivanti dalla vendita di crediti di carbonio per costruire infrastrutture energetiche e di comunicazione per le comunità.

Tipo di crediti:
Standard di Carbonio Verificati (VCS) 

Sviluppatore di progetto:
Biofilica

Risearth permette a persone ed aziende di ridurre il loro impatto climatico tramite il supporto a progetti che combattono il cambiamento climatico in giro per il mondo e rilascia certificati per attestare il loro impegno.